INFERMIERI CHIEDONO UNO STIPENDIO EQUIPARATO ALLA MEDIA EUROPEA

INFERMIERI CHIEDONO UNO STIPENDIO EQUIPARATO ALLA MEDIA EUROPEA

Finalmente anche in Italia gli infermieri chiedono che il proprio stipendio venga equiparato a quello della media europea e lo fanno attraverso una petizione online che verrà consegnato al ministro dello sviluppo economico e ministro del lavoro e delle politiche sociali, nonché Vicepresidente del Consiglio dei ministri nel Governo Luigi Di Maio e al ministro della sanità Giulia Grillo.
Da anni arrivano complimenti agli infermieri da ogni nazione europea eppure lo stipendio è quello tra i meno retribuiti dell'Unione, scansando Grecia, Romania. Una famiglia monoreddito non potrebbe vivere con uno stipendio da infermiere e questo è vergognoso per un paese che si reputa "CIVILE E AVANZATO".
Durante la campagna politica e subito dopo la vittoria elettorale, il Movimento 5 Stelle aveva mostrato interesse verso gli infermieri, facendo promesse a cui eravamo abituati già dai governi precedenti ma a cui, questa volta avevamo sperato e creduto:

10 settembre 2018: Infermieri. Di Maio: “Guadagnano troppo poco. Al lavoro per dare loro uno stipendio dignitoso”

Ministro Grillo: Infermieri e Medici italiani sono i meno pagati in Europa 28/11/2018

5/01/2018 Cecconi (M5S): “Implementare trattamenti economici degli infermieri”

Oggi ai tavoli che contano osserviamo che come al solito si parla solo di medici e non di infermieri. 


ECCO LA PETIZIONE IN FORMA INTEGRALE: 

L'infermiere Italiano nonostante sia apprezzato e stimato a livello europeo è tra i meno retribuiti con uno stipendio così basso che difficilmente riesci ad arrivare a fine mese in una famiglia monoreddito. Sicuramente uno stipendio non proporzionale ai carichi di lavoro, alle responsabilità, rischi e doveri a cui è sottoposto. Recenti studi (Studio RN4CAST, GranBretagna, Pennsylvania, etc) dimostrano che una carenza di personale infermieristico porta ad aumenti significativi di infezioni e morti ospedaliere con una spesa sanitaria non indifferente. Studio Lancet 2014: Ogni volta che aumenti 1 paziente ad un infermiere aumenta l’indice di burnout del 23%, aumenta del 7% la mortalità del paziente, aumenta del 7% che l’infermiere non si renda conto delle complicanze a cui il paziente sta andando incontro. Lo studio ha inoltre stimato che se i tassi di 'burnout' degli infermieri fossero ridotti del 10% si potrebbero prevenire circa 4.160 contagi ospedalieri ogni anno, risparmiando 41 milioni di dollari in costi del servizio sanitario. Le ricerche parlano di rapporto ottimale infermiere/paziente 1 a 6 (in Italia siamo abituati a numeri ben più importanti 1 a 12, 1 a 22 in alcune realtà drammatiche anche di più…). Addirittura in California per legge il rapporto infermiere/paziente deve essere massimo di 1 a 5, fino ad arrivare ad 1 a 1 in terapia intensiva. Il burnout non è però creato solo dal demansionamento o carichi di lavoro. Anche percepire uno stipendio che non gratifica e giustifica l'enorme mole di lavoro e responsabilità che sei chiamato ogni giorno a fare.

Durante la campagna politica e subito dopo la vittoria elettorale, il Movimento 5 Stelle aveva mostrato interesse verso gli infermieri, facendo promesse a cui eravamo abituati già dai governi precedenti ma a cui, questa volta, avevamo sperato e creduto:

-10 settembre 2018: Infermieri. Di Maio: “Guadagnano troppo poco. Al lavoro per dare loro uno stipendio dignitoso”

- 28/11/2018 Ministro Grillo: Infermieri e Medici italiani sono i meno pagati in Europa

-5/01/2018 Cecconi (M5S): “Implementare trattamenti economici degli infermieri”

Oggi ai tavoli che contano osserviamo che si parla sempre di medici e non di infermieri. Tra 6 anni mancheranno 16.500 medici ? Oggi mancano già 50.000 infermieri in estate ne mancheranno 75.000.

Rimaniamo fiduciosi che il governo giallo/verde faccia qualcosa per questa figura da troppi anni martoriata e offesa da stipendi non proporzionali alla professionalità, ai rischi, doveri, responsabilità e sacrifici che questa figura è chiamata ogni giorno a fare.  Un infermiere felice, messo in condizioni mentali e fisiche di fare bene il suo lavoro, come dimostrano le ricerche, potrebbe non solo far risparmiare milioni di euro ma diminuire di molto infezioni e morti ospedaliere.


FIRMA LA PETIZIONE PER CHIEDERE DI EQUIPARARE STIPENDIO INFERMIERI ITALIANO CON QUELLO EUROPEO

https://www.change.org/p/luigi-di-maio-equiparare-lo-stipendio-dell-infermiere-italiano-a-quello-medio-europeo


Qui trovate il link dove potete apporre il vostro contributo che siate un infermiere, uno studente o un simpatizzante:
http://chng.it/BDhctGQLGX